L’Arte in Mostra! L’albero si fa solidarietà

rossoAnche quest’anno il Museo Veneto del Giocattolo apre le porte al territorio dal 5 dicembre ore 16 al 21 dicembre, con la Mostra “L’Albero si fa solidarietà” in collaborazione con la Cooperativa AltraCittà e l’Associazione Selvazzano For Children presenti con le loro splendide creazioni negli spazi del laboratorio creativo del Museo che durante l’anno accoglie tanti bimbi delle scuole del territorio. Gli spazi verranno utilizzati per l’esposizione dei manufatti e per i laboratori creativi per i bambini alla domenica. Partendo dalla Mission del Distretto di Cittadinanza Civitas Vitae, prima infrastruttura di coesione sociale d’Europa, aperta al territorio per la realizzazione di progetti di inclusione e coesione sociale, il Museo segue e cerca forme per moltiplicare il legame sociale e diffondere una nuova forma di cultura, che vede la persona longeva protagonista e risorsa per la comunità. La collaborazione tra il Museo Veneto del Giocattolo, la Cooperativa AltraCittà e Selvazzano For Children, realtà apparentemente molto lontane, troverà la sua unione nella condivisione e nello scambio del sapere di entrambi, per poterlo poi vedere realizzato con i bambini che frequentano il Museo. Un “sapere” che potrà dare gioia a tanti piccoli nella relazione intergenerazionale, con la speranza di avere città creative e di conseguenza più felici. Avremo anche uno spazio dedicato alla Mostra del libro, dedicato all’infanzia, di Kite Edizioni, libri magici con illustrazioni che ci porteranno a viaggiare nella fantasia. Come di consueto avremo il piacere di avere alcuni artisti del territorio, ospiti in mostra: Sabrina Galiazzo, Maria Laura Melis, Francesco Moretti. Potremo inoltre ammirare i risultati pittorici, ottenuti dagli ospiti del Civitas Vitae e dai Nonni del Cuore, al percorso di acquerello “Scie di colore”, grazie alla Maestra Sabrina Galiazzo.

Il Museo Veneto del Giocattolo collabora con il Museo della Terza Armata di Padova nel percorso dedicato al centenario della Grande Guerra. In tale occasione infatti, si organizzeranno una serie di eventi che vedranno la collaborazione dello storico Lucio Lea e del ricercatore turistico Gianfranco Maritan. Grazie al valore storico della collezione di giocattoli presenti nelle sale del Museo Veneto del Giocattolo e alle competenze di entrambi, si andrà a valorizzare il territorio della “Mandria” come patrimonio culturale veneto e territorio legato alla Grande Guerra per la firma dell’Armistizio il 3 novembre 1918 a Villa Giusti, grazie anche ad alcuni materiali e documenti storici del Museo della Terza Armata. • Saranno programmati vari incontri per riconsegnare notizie storiche e curiosità relative al territorio di cui si ha documentazione sin dai tempi dei Romani, grazie alla lunga ricerca di Lucio Lea, “…con l’intento di diffondere la conoscenza, aumentarne la consapevolezza del significato storico, sociale e umano, e promuovere le più adeguate forme di commemorazione nella ricorrenza del centesimo anniversario” (Comunicato stampa Regione Veneto N° 33 del 07/01/2014), ma soprattutto per comprendere di com’era e qual è stata l’evoluzione di questo territorio che comprende siti artistici di grande valore culturale quali Villa Giusti, Villa Molin e Villa Pacchiarotti-Zemella. Saranno organizzate: • visite guidate al Museo Veneto del Giocattolo, con particolare attenzione alle vetrine con giocattoli più rappresentativi del periodo della guerra visite guidate con partenza dal Museo Veneto del Giocattolo con il seguente itinerario: Civitas Vitae-Villa Giusti e Villa Pacchiarotti-Zemella • “Notizie storiche, Ville e curiosità di Mandria”, conferenze a cura di Lucio Lea che andrà raccontare come “Mandria divenne così celebre nel mondo e le campane della nostra chiesa furono le prime a suonare a festa”!

Vi aspettiamo dal 5 al 21 dicembre la domenica laboratori creativi! Sarà un’occasione per visitare il Museo Veneto del Giocattolo!

Sognando nuovi orizzonti dal 4 al 20 dicembre al Museo Veneto del Giocattolo per la solidarietà

depliant_mostra.pdfQuest’anno il Museo Veneto del Giocattolo apre le porte alla solidarietà con la Mostra “Sognando nuovi orizzonti” in collaborazione con la Cooperativa AltraCittà e con l’Associazione Selvazzano For Children che saranno presenti con le loro splendide creazioni negli spazi del laboratorio creativo del Museo che durante l’anno accoglie tanti bimbi delle scuole del territorio. Gli spazi verranno utilizzati per l’esposizione dei manufatti e per i laboratori creativi. Sarà infatti possibile vedere dal vivo e provare come si realizzano le preziose carte fatte a mano dalla cooperativa Altracittà, come si costruisce un giocattolo con materiali riciclati a cura dei Nonni del Cuore dell’Associazione Agorà, come si può manipolare un materiale semplice come la terra a cura di Este Ceramiche o come si possono realizzare  semplici oggetti con altri materiali a cura di Selvazzano for Children. Aperto a tutti coloro che frequentano il Civitas Vitae, sarà un modo anche per accogliere il territorio e “trasferirne” i valori.

 

Partendo dalla Mission del Distretto di Cittadinanza Civitas Vitae, prima infrastruttura di coesione sociale d’Europa, aperta al territorio per la realizzazione di progetti di inclusione e coesione sociale, il Museo segue e cerca forme per moltiplicare il legame sociale e diffondere una nuova forma di cultura, che vede la persona longeva protagonista e risorsa per la comunità. La nuova collaborazione tra queste realtà, apparentemente molto lontane, troverà la sua unione nella condivisione e nello scambio del sapere di entrambi, per poterlo poi vedere realizzato con i bambini che frequentano il Museo. Un “sapere” che potrà quindi dare gioia a tanti piccoli nella relazione intergenerazionale, con la speranza di avere città creative e di conseguenza più felici.

Durante il periodo di apertura della Mostra il Museo avrà anche la presenza delle Opere del Maestro scultore Silvano Soppelsa e del Maestro pittore Francesco Moretti.

Silvano Soppelsa inizia giovanissimo a lavorare il legno. Nella seconda metà degli anni ottanta inizia a dedicarsi alla scultura realizzando nel 1988 la sua prima partecipazione ad una mostra. “La scultura di Silvano Soppelsa ha la luminosità tipica della genuinità ovvero di quel saper vedere e fotografare la luce nascosta in una immagine, in un volto, in un abbraccio, in una miscelazione di note che prensilmente si avviluppano quasi all’ambiente da dove hanno preso la forma primordiale per poi mutarsi, grazie alla sapiente opera dell’artista agordino, in una forma fantastica e dalla facile presa.”

Il Maestro è già presente al Museo con l’opera scultorea da lui donata “Abbraccio attraverso il tempo”.

Francesco Moretti è nato a Venezia nel 1944. I suoi studi artistici all’Istituto d’Arte ai Carmini di Venezia città dove ha vissuto fino al 1968. Nel 1969 si trasferisce a Padova dove tutt’ora risiede e lavora. Dal 1972 dopo aver approfondito lo studio dei Maestri del ‘900 italiano, soprattutto Veneziani, inizia a partecipare con le sue opere a varie Manifestazioni d’Arte, ottenendo stimolanti e lusinghieri riconoscimenti al suo lavoro. Negli anni successivi allestisce con successo varie personali nella sua città adottiva, nel Veneto e nel Nord Europa.

Le sue opere fanno parte di importanti collezioni privati Italiane e Estere.

 

LAltraCittà è nata nel 2003 con la finalità di perseguire l’integrazione sociale di persone svantaggiate, su iniziativa di 10 donne attive, a vario titolo, da anni nel settore della formazione e dell’istruzione degli adulti, in particolare per quanto riguarda i seguenti settori: catalogazione, informazione, documentazione, grafica, legatoria e cartotecnica.

La cooperativa è collegata al Centro di Documentazione Due Palazzi della Casa di Reclusione di Padova (la redazione della rivista Ristretti Orizzonti, il gruppo Rassegna Stampa, il tg Due Palazzi, il laboratorio di legatoria e cartotecnica, la biblioteca), coordinato in collaborazione con l’associazione ‘Granello di Senape Padova Onlus’.

Realizzano numerosi corsi di formazione che si tengono nella Casa di Reclusione di Padova, anche in collaborazione con enti di formazione e istruzione (Enaip Veneto di Padova, CIOFS Don Bosco di Padova,…) nei seguenti settori: cartotecnica e legatoria; grafica e informatica; documentazione, catalogazione, archivistica.

Obiettivo della cooperativa è in particolare dare uno sbocco occupazionale  a persone sia detenute ed ex detenute che in misura alternativa alla detenzione, in relazione alle professionalità create ‘sul campo’ nei laboratori citati attraverso la formazione e l’autoformazione.

Selvazzano for Children è nata nel 1997 da un gruppo di volontari con obiettivi di solidarietà, reciprocità, gratuità e con la volontà di aiutare concretamente bambini in difficoltà.

Si occupano di Solidarietà internazionale accogliendo bambini provenienti dalle zone contaminate di Chernobyl, organizzano convogli e iniziative a carattere umanitario volte a sostenere le popolazioni in condizioni di difficoltà.

A livello locale organizzano corsi di alfabetizzazione per cittadini stranieri, corsi di recupero scolastico per aiutare i bambini a superare difficoltà legale all’apprendimento, a socializzare, ad acquisire sicurezza e ad inserirsi nella comunità in cui vivono. Assistono inoltre le famiglie di immigrati sia sotto il profilo economico, morale, documentale. Promuovono la cultura della solidarietà.

 

 

Collaborazione con la cooperativa AltraCittà

La collaborazione tra il museo veneto del giocattolo e la cooperativa Altracittà si sta sviluppando meravigliosamente. Il primo step a Sgulp ha visto la loro presenza con il laboratorio di carta dove i colori si sono susseguiti tra lo stupore e la meraviglia di tanti bambini felici….

imageimage

Sgulp 2013

È appena terminato Sgulp che ha visto la presenza di 600 scuole e migliaia di bambini , genitori e nonni che si sono divertiti tra gli stand delle tante associazioni che con passione animavano il tempo.

Gli spazi del Museo Veneto del Giocattolo che ospitavano la Cooperativa Altra Cittá con i laboratori di carta,  hanno visto la presenza costante di decine e decine di bimbi che hanno potuto provare l’emozione della creatività.

un bambino creativo è un bambino felice…e non solo

Il nonni del cuore dell’associazione Agorà si sono turnati per accogliere tra i laboratori di ceramica e  di arte del riciclo visitatori di tante età. E che successo.

il prossimo evento sarà dal 4 al 20 dicembre, la Mostra “Sognando nuovi orizzonti”, il sabato e la domenica laboratori creativi per i bambini…non mancateimage